Conferenze

I contenuti delle lezioni-conferenze riflettono i temi chiave della ricerca scientifica, empirica e antropologica sul corpo svolta all’interno dell’ Axis Syllabus e sono occasioni di apprendimento e riflessione. Le lezioni-conferenze verranno trasmesse anche online per diffondere i contenuti del festival ad un pubblico più ampio, mentre gli spettacoli rimarranno esclusivi per chi è presente in loco, per ricordare il giusto valore e l’importanza della presenza umana e del dialogo corpo a corpo, cuore a cuore con il pubblico.

Dentro o oltre il limite?

Nella Danza d’autore l’artista si confronta con delle scelte estetiche e semiotiche. Nell’arte l’equilibrio tra le cose è spesso stato sinonimo di bellezza. Ma come so se ho oltrepassato il confine? Quali sono i parametri che definiscono l’eccesso e cosa lo rende così accattivante? La moderazione ha veramente perso il suo fascino? Come danzatori e coreografi, i relatori entreranno nel merito di come queste scelte avvengo, come le scelte a loro volta scolpiscono il messaggio che veicola lo spettacolo e quali rischi determinate scelte hanno comportato in passato, per loro stessi e per il pubblico.

Danza e Scienza

Collegare la scienza all’arte non è cosa nuova. Accade spesso che coltiviamo aspettative verso il danzatore come colui che sfida le leggi della fisica, della biologia, della meccanica.

Come fa fronte il danzatore a queste aspettative?

Come avviene la preparazione di un danzatore oggi?

In un dialogo ipotetico quali sono le richieste che farebbe la scienza alla danza e quali sarebbero le pretese del- la danza verso la scienza? Quale bene cio concreto può trarre chiunque dal sapere del danzatore? I relatori condivideranno prospettive provenienti da oltre 30 anni di esperienza come danzatori, interpreti e pedagoghi.

Diversi corpi, diverse strategie

I nostri corpi sono diversi. Alcune delle caratteristiche che ci distinguono si vedono, altre si sentono.

Quali sono i paradigmi che ci accomunano e cosa ci distingue? Quali sono i limiti e le possibilità che ne con- seguono? Come può la diversità facilitare il processo di apprendimento e contribuire al progresso?

I relatori condivideranno riflessioni, esperienze, strategie, fallimentari e di successo. Verrà data la precedenza alle domande da parte del pubblico.

La gravità, minaccia o opportunità?

Gravi dal latino significa pesante. La forza di gravità è una forza universale che agisce su ogni cosa nell’universo. Noi ne facciamo l’esperienza attraverso qualunque oggetto o corpo dotato di una massa che cade verso il basso. Il lavoro del danzatore potrebbe riassumersi nell’istruire il corpo a domare, assecondare oppure sfruttare questa forza impietosa a suo vantaggio. I relatori parleranno del ruolo che la gravità gioca durante il processo di creazione di un’opera. Quali limiti pone la gravità all’essere umano? Esiste un potenziale nascosto? Come può l’artista danzatore insegnarci ad accedervi e perché questa conoscenza potrebbe riguardarci tutti?